Orto e giardino

Lavori nell’orto a febbraio

lavori-nellorto-a-febbraio

Lavori nell’orto a febbraio.

Dunque. Tra le varie passioni familiari c’è anche quella di coltivare un piccolo orto ricavato in un area del giardino poco utilizzata da cani e bimbi.

Lavori nell'orto a febbraio

Iniziamo quindi oggi con un appuntamento, cui spero di dare cadenza mensile, sui lavori da eseguire per far rendere al meglio il proprio orto e per trarne la massima soddisfazione personale. Nutrirsi, infatti, con ciò che si è prodotto con il sudore della propria fronte, è una soddisfazione impagabile…..sopratutto se è anche di qualità decisamente superiore a quella cui la grande distribuzione ci ha abituato.

Quello di oggi sarà un articolo breve, infatti, a febbraio, mese decisamente freddo, i lavori da fare nell’orto non sono molti.

Io parto in questo momento con un orto sostanzialmente vuoto. L’unica specie invernale che avevo seminato nel 2017, infatti, era il cavolo. E quindi nel nostro orto al momento ci sono soltanto due bei cavoli pronti per essere raccolti. Per il resto, tabula rasa…una nuova storia da scrivere.
Ed infatti la pianificazione dell’orto è una delle attività che bisogna assolutamente fare a febbraio, ma pubblicherò a breve un articolo dove spiegherò come ho progettato il mio orto per il 2018.

In questo post ci limitiamo alle cose pratiche. Eccole:

  • Per prima cosa CONTROLLATE GLI ATTREZZI. Quante volte vi è capitato di essere stramotivati ad iniziare un lavoretto ed accorgervi solo in quel momento di non avere l’attrezzo giusto o di averlo ma non funzionante rovinandovi la poesia? Beh…a me spesso. Ma non più, da quando controllo tutti i miei attrezzi e li ricondiziono, se necessario, con un mese di anticipo.

Lavori nell'orto a febbraio

  • VANGATURA. Sarebbe bene lavorare il terreno con una bella operazione di vangatura per prepararlo alle semine di marzo. Questo nelle giornate in cui la temperatura sale e il terreno è più morbido e facile da lavorare. È sicuramente raccomandato farlo nella seconda metà del mese, quando le temperature saranno più miti. La vangatura si esegue….con la vanga. Ne esistono fondamentalmente di due tipi: a punta, per i terreni più compatti, e a punta piatta, per terreni più morbidi. La vangatura va eseguita solo sui 10 centimetri superficiali del terreno, il quale va rivoltato, girato, messo sottosopra. In caso di terreni poco fertili, potete cogliere l’occasione per interrare letame, concime (meglio se a lento rilascio e biologico) o compost. Depositate il prodotto, qualunque esso sia, sulla superficie del terreno e iniziate a vangare rivoltando le zolle. Vi suggerisco di procedere orizzontalmente rompendo la zolla successiva sulla cresta lasciata da quella precedente. In questo modo dimezzerete la fatica. Sarebbe bene riuscire a vangare più di una volta prima della semina lasciando passare due o tre settimane tra una e l’altra.

LAvori nell'orto a febbraio

  • RIPULITURA. Durante la vangatura ripulire l’orto da tutte le erbacce e i sassi che vi capiteranno tra le mani.
  • PIANIFICAZIONE DELLE SEMINE. Dopo aver pianificato la disposizione delle semine (leggete il post che pubblicherò tra poco a riguardo) potete già realizzare in questa fase i vialetti e delimitare le aiuole dell’orto. in questo modo renderete più agevole l’accesso, la semina e tutti i successivi lavori da effettuarsi tra le varie aiuole.

Questo è sostanzialmente quanto vi aspetta per i vostri lavori nell’orto di febbraio. Vi sembra poco? Mi direte qualcosa dopo aver vangato……

Ma dopo, quando vi siederete con una buona birra (magari fatta in casa) ad osservare il vostro lavoro, la soddisfazione sarà semplicemente impagabile….

Al prossimo post, per i lavori di marzo….e lì si farà sul serio!

Ciao!

Enrico

0 Comments
Share

Enrico

Reply your comment

Your email address will not be published. Required fields are marked*