Orto e giardino

Progettare l’orto

progettare-lorto

Ciao!

Eccoci. Come promesso ti riporto la spiegazione di come ho progettato l’orto 2018 per la mia famiglia. Premetto che ho un piccolissimo spazio ricavato da un’area del giardino poco utilizzata da cani e bambini, quindi se voi disponete di più metri quadrati sarete facilitati nella progettazione e nella gestione degli spazi. Spero comunque che l’esempio del mio piccolo orto e delle soluzioni da me utilizzate vi possano in qualche modo aiutare.

E’ importante partire con la pianificazione già ora, per due motivi: alcune semine sono già operabili e, secondo, se stiamo lavorando il terreno per prepararlo, con una bella vangata, alla incombente semina (vedi post), possiamo approfittarne e tracciare già le aiuole e i canaletti.

Bisogna progettare l’orto in modo da renderlo produttivo per il maggior numero di mesi all’anno possibili.

Per fare ciò, e necessario prevedere, per qualche aiuola, una doppia coltura durante l’anno. Nell’immagine di seguito, ti mostro come penso di progettare l’orto per quest’anno, considerando che utilizzo solo la semina in pieno campo:

Progettare l'orto

In rosso sono indicate le semine di inizio primavera, mentre in nero le seconde semine, che andranno a sostituire quelle in esaurimento dopo il raccolto. In questo modo garantirò un orto produttivo per 12 mesi all’anno.

Oltre a quanto riportato in figura ho un’area per le aromatiche (un vecchio e chic laghetto artificiale in resina che ho riciclato come aiuola riempiendolo di terra) dove ho messo a dimora salvia, lavanda, rosmarino e, stagionalmente, basilico. Solitamente poi in un vaso semino del sedano.

Ovviamente è solo uno dei modi di concepire un’orto. Di seguito ti riporto una tabella dove sono indicati i periodi adatti per la semina in pieno campo, cioè senza passare dalla fase del semenzaio; quest’ultima permette di anticipare un po’ i tempi. Io personalmente non ne faccio uso, dato che non ho ne tempo ne spazio per semenzaio e successivi trapianti. Sarà una probabile evoluzione futura.

Comunque sino ad ora ho sempre solo utilizzato la semina diretta in pieno campo e ho sempre avuto difficoltà a riuscire a consumare quanto prodotto dall’orto.

Bando alle chiacchiere ed eccoti la tabella:

Tabella semine

Ovviamente i periodi di semina possono variare a seconda della specie di ortaggio che deciderai di coltivare: diverse specie di fagioli, p.es., hanno periodi di semina leggermente diversi. Ho riportato delle finestre di semina generiche, ma ti consiglio di consultare quelle indicate sulle confezioni dei semi che acquisterai per il tuo orto.

Per quanto riguarda le dimensioni dell’orto necessarie per mantenere una famiglia di 4 persone, generalmente vengono indicati 80/100 metri quadrati. Io purtroppo mi devo accontentare di molto meno, ma anche con il mio piccolo orto di 20 metri quadrati, nel 2017, come detto, non sono riuscito a consumare tutti gli ortaggi da esso prodotti. E’ anche vero che in alcuni momenti dell’anno, per forza di cose, ho dovuto integrare con ortaggi acquistati.

Ma, come si dice? Si fa di necessità, virtù!

Spero che l’esempio di questo post ti possa aiutare e ti do’ appuntamento al prossimo, con i lavori nell’orto di marzo, quando metteremo in pratica quello che abbiamo pianificato oggi.

Ciao!

Enrico

0 Comments
Share

Enrico

Reply your comment

Your email address will not be published. Required fields are marked*